ASviS L'Alleanza Italiana per lo Sviluppo Sostenibile è la più grande rete di istituzioni e associazioni della società civile in Italia che opera per diffondere la consapevolezza dell'Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile.

Territorio laboratorio dello sviluppo sostenibile
  • Italia

L’Alleanza Italiana per lo Sviluppo Sostenibile (ASviS) è nata il 3 febbraio del 2016, su iniziativa della Fondazione Unipolis e dell’Università di Roma “Tor Vergata”, per far crescere nella società italiana, nei soggetti economici e nelle istituzioni la consapevolezza dell’importanza dell’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile e per mobilitarli allo scopo di realizzare gli Obiettivi di sviluppo sostenibile.

La missione dell’ASviS è quella di far crescere nella società italiana, nei soggetti economici e nelle istituzioni la consapevolezza dell’importanza dell’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile, mettendo in rete coloro che si occupano già di aspetti specifici ricompresi negli Obiettivi di sviluppo sostenibile (Sustainable Development Goals - SDGs), allo scopo di:

  • favorire lo sviluppo di una cultura della sostenibilità a tutti i livelli, orientando i modelli di produzione e di consumo;
  • analizzare le implicazioni e le opportunità per l’Italia legate all’Agenda per lo sviluppo sostenibile;
  • contribuire alla definizione di una strategia italiana per il conseguimento degli SDGs (anche utilizzando strumenti analitici e previsivi che aiutino la definizione di politiche per lo sviluppo sostenibile) e alla realizzazione di un sistema di monitoraggio dei progressi dell’Italia verso gli SDGs.

L'Alleanza organizza ogni anno il Festival dello Sviluppo Sostenibile, di 17 giorni, quanti gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile, su tutto il territorio nazionale. L'edizione 2019 del Festival si svolgerà dal 21 maggio al 6 giugno. Sono aperte le registrazioni per gli eventi al seguente link: http://festivalsvilupposostenibile.it/2019/proponi-evento/

Ogni anno l'ASviS pubblica il Rapporto "l'Italia e gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile" che oltre a fornire aggiornamenti sull’impegno della comunità internazionale per l’attuazione dell’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile dell’Onu, sottoscritta dai Governi di 193 Paesi il 25 settembre del 2015, si focalizza sul contesto nazionale.