Schoolr S.r.l. Lezioni e Ripetizioni online, con i migliori Tutor, per Medie, Superiori e Università!

Persona al centro del progresso Formazione
  • Italia
Schoolr è stata costituita il 14 febbraio 2017, composta da una compagine societaria di membri eterogenei e altamente qualificati, con allo scopo di sviluppare, produrre e commercializzare una piattaforma per la formazione scolastica e universitaria online, che possa inserire l’utente, studente o tutor, all’interno di un ecosistema di servizi che lo accompagnino nello studio.

- Vision

I servizi che caratterizzano Schoolr e lo rendono competitivo nel mercato hanno uno scopo comune: garantire la qualità del materiale formativo per le lezioni e ripetizioni, permettere uno sviluppo più dinamico dello studio in termini di tempo e la riduzione dei costi per l’utenza. Schoolr crea un vantaggio concreto rispetto alla concorrenza, come sotto illustrato:

  • Ricerca Tutor di qualità
  • Pagamenti facili, veloci e sicuri
  • Comunicazione immediata Fra Studente e Tutor
  • Ambiente Lezione tecnologicamente avanzato

- Il problema

Schoolr si rivolge ad una tipologia di studente che per colpa delle lacune di studio si trova spesso a richiedere materiale aggiuntivo per la formazione, che spesso non è di qualità o comunque non certificato. Si ritrova quindi orfano di un punto di riferimento serio e di qualità. Da questo siamo partiti per stabilire i punti cardine che definiscono il problema per gli studenti di oggi.

Questi i problemi:

1. Ricerca docenti senza riferimenti

La ricerca del tutor è il primo problema che uno studente o un genitore devono affrontare. Spesso questo è difficile, poco sicuro e quindi con margini di rischio per la qualità della formazione scolastica dello studente. Ad oggi la ricerca viene effettuata attraverso affollate bacheche scolastiche o universitarie e pochi riferimenti sul reale valore del tutor. Su Schoolr questo non accadrà, poiché l’offerta di tutor è determinata a monte da un filtro qualità che applichiamo all’iscrizione nella nostra piattaforma degli stessi tutors.

2. Comunicazione assente fra Studente e Tutor

La comunicazione è spesso difficile e macchinosa, ma soprattutto dispersiva. Ad oggi avviene attraverso chat e strumenti simili, ma non apportano reale valore al rapporto fra tutor e studente. Su Schoolr l’approccio in tal senso è più dinamico e puntuale, attraverso una chat dedicata, nella quale scambiare documenti e file di vario genere, oltre soprattutto ad una agenda dedicata nella quale si inseriscono gli appuntamenti con gli studenti e i dettagli di ogni singola lezione. Il tutto in modo automatico.

3. Spostamento lento e difficile

Sia nelle grandi città che nei più piccoli comuni, lo spostamento è uno dei maggiori problemi del settore. Questo avviene con mezzi di trasporto propri, ma anche spesso con mezzi terzi, che sono quindi una perdita di tempo e risorse economiche o per il tutor o per lo studente/genitore. Il nostro obiettivo, grazie alle nuove tecnologie, è quello di eliminare completamente questo problema alla radice, offrendo tecnologie così avanzate che facciano divenire l’esperienza dal vivo solo un ricordo remoto.

4. Qualità bassa dei contenuti

A seguito della ricerca, della comunicazione e dello spostamento, vi è la lezione stessa, il rapporto vero che si instaura fra le due figure. Spesso il tutor non è adatto alla materia specifica richiesta, poiché avviene spesso che ci si improvvisi conoscitore di uno specifico argomento. Il lavoro di Schoolr non è solo quello di offrire semplicemente tutors di qualità, ma di offrirli per la materia specifica della quale lo studente sente il bisogno di approfondire. Per questo i profili dei tutors sono stati strutturati appositamente per dar modo a loro di specificare il loro raggio di insegnamento, così da permettere la scelta dello stesso tutor in modo più semplice.

- Il prodotto

Schoolr è stata pensata per studenti che hanno necessità di una piattaforma online dedicata unicamente alla formazione scolastica e universitaria. Schoolr si basa su dei concetti pedagogici molto attuali, per offrire sempre agli studenti un'istruzione completa e immersiva, e ai docenti un luogo dove mettere a disposizione la propria conoscenza. Una piattaforma con un’offerta formativa di qualità, filtrata dal controllo che viene effettuato sui docenti, che riprenda i meccanismi semplici delle tecnologie quotidiane. Il nostro obiettivo è inoltre quello di offrire ai genitori degli studenti uno strumento di controllo diretto delle lezioni.

Partendo da questi concetti base abbiamo voluto creare un nuovo tipo di piattaforma per la formazione online, chiamata Online Learning Platform.

Abbiamo quindi elaborato le problematiche e stabilito delle rispettive soluzioni:

1. Ricerca Tutor di qualità, selezionati e filtrati direttamente dal team Schoolr sulla base di tre fattori, competenze, esperienze e tecnologie in possesso.

2. Comunicazione immediata, attraverso una chat integrata che permette di scambiare informazioni e documenti di vario genere (appunti, dispense ecc.).

3. Pagamenti facili, veloci e sicuri, attraverso il sistema e il metodo PayPal, che permette a carte di credito e di debito di pagare in modo totalmente sicuro e semplice.

4. Ambiente lezione tecnologicamente avanzato, con lavagna virtuale integrata che permette di condividere file PDF e PP con la possibilità di essere modificati, webcam e microfono per l’interazione.

- Mercato

Il mercato dell’online tutoring in Europa è stimato che nel 2021 varrà circa 46.54 miliardi, con una crescita del 15,38% annuo [fonte Business Wire]. In questo contesto il mercato fisico aggredibile delle Lezioni e Ripetizioni è strutturato come segue: Francia con 2.5B di euro, UK con 2.0B di euro, Germania con 2.0B di euro, Grecia con 800M di euro, Spagna con 1.8B di euro, Romania con 600M di euro.

Prendendo come riferimento l’Italia possiamo notare come le ripetizioni sono sempre più un sistema ricercato per far fronte alle problematiche della formazione. Secondo gli ultimi studi effettuati [fonte Ansa], 2 studenti su 5 ricorrono alle ripetizioni durante l’anno scolastico, per porre rimedio ai voti negativi delle pagelle dei primi mesi dell’anno scolastico. Ogni anno le famiglie arrivano a spendere anche mille euro in lezioni private, con una spesa per lezione di 27 euro in media, per 50 lezioni annue. In totale gli studenti italiani che seguono lezioni private superano i 850 mila (150 mila Medie, 500 mila Superiori, 200 mila Università), con un fatturato annuo di un miliardo di euro [fonte Fondazione Einaudi].